Napoli, black-out dei respiratori: medici e infermieri eroi salvano otto neonati

Condividi:

Panico al Santobono: «I macchinari della terapia intensiva neonatale hanno smesso di funzionare per 40 minuti circa» scrivono i genitori dei piccoli lì ricoverati nella denuncia indirizzata alla procura di Napoli.

«Le apparecchiature hanno ripreso a funzionare alle 16,10 e fino a quel momento i neonati sono stati tenuti in vita con i respiratori manuali, grazie alla professionalità e al tempestivo intervento dell'équipe di medici e infermieri di turno». È accaduto domenica scorsa, intorno alle 15,30, durante l'orario di visita. Otto le coppie che, «a tutela della salute di tutti i bambini ricoverati presso la struttura», chiedono di «avviare le dovute indagini per accertare le responsabilità».

I vertici dell'azienda ospedaliera pediatrica sostengono che quanto accaduto non ha procurato conseguenze per la salute dei neonati e che si è trattato di un episodio imprevedibile in una struttura dagli impianti da poco rinnovati e compleamente a norma. Nominato dal Santobono anche un esperto per chiarire le cause ed evitare che eventi del genere possano ripetersi in futuro.

Condividi:

I più visti su Facebook

.